SCORDATO I DATI DI ACCESSO?

Torna all'elenco delle notizie

Niinivirta Transport: trasportare elettrico è eco-friendly


Come può essere sensibile alla tutela ambientale chi di mestiere fa il trasportatore su strada? Centinaia di migliaia di chilometri percorsi in lungo e in largo ogni anno sulle strade di tutta Europa, centinaia di pneumatici consumati, milioni di litri di gasolio dissolti nell'atmosfera: questa è l'opinione comune quando si parla di autotrasportatori.
 
Ma per fortuna qualcosa si sta muovendo nel settore: propulsori meno assetati di carburante, affinamento aerodinamico dei veicoli, pneumatici a bassa resistenza al rotolamento e sempre maggiore attenzione alle fonti di propulsione alternativa: a partire dall'alimentazione a gas fino all'elettrico e persino all'idrogeno. E non stiamo parlando del futuro, ma del prossimo domani e in taluni casi addirittura dell'oggi.
 
Niinivirta Transport, forse per la sua matrice genetica di origini scandinave, dove l'ecologia assume un valore determinante in tutte le scelte, accoglie la sfida tecnologica della sostenibilità ambientale nel campo forse più ostico, e proprio oggi presenta a Palazzo Isimbardi, con il patrocinio della provincia di Milano, il primo autocarro completamente elettrico in servizio effettivo in Italia. Autocarro nel vero senso della parola, un veicolo con peso a pieno carico di 10  tonnellate, che nulla ha di che spartire con quei furgoni leggeri che già solcano le strade delle maggiori città per le piccole consegne. Un autocarro medio-pesante che può arrivare in una sola consegna dove ai furgoncini elettrici si richiedono tre-quattro viaggi, con notevole risparmio logistico e di tempo, per non parlare di autonomia di esercizio delle batterie.
 
Newton fa di nome, come il più illustre scienziato Isacco, ma è un veicolo da trasporto vero e proprio costruito dalla Smith Electric di Newcastle, nel Regno Unito. Ma con i camion con cui abbiamo a che fare tutti i giorni divide solo la telaistica e l'estetica: è un autocarro  spinto unicamente da un motore elettrico al 100% che eroga 120 Kw, alimentato soltanto attraverso accumulatori di ioni di litio sigillati e compartimentati, con un sistema automatico di recupero di energia in frenata, equipaggiato con pneumatici Continental LSR 1+ a bassa resistenza al rotolamento dotati di sistema ContiPressureCheck™ per il monitoraggio della pressione di gonfiaggio e la temperatura di esercizio. Ed è pure un mezzo di considerevoli dimensioni, in quanto misura quasi 9 metri di lunghezza, pesa a pieno carico 10 tonnellate, ha una portata utile di 5 tonnellate ed una autonomia di oltre 200 chilometri, condizionati dall'orografia del territorio.
 
Per Niinivirta Transport il Newton è il veicolo del salto di qualità nel mondo dei trasporti, deputato a servire le grosse consegne nei centri storici delle grandi città, off-limits durante le ore del giorno per i mezzi tradizionali, con raggio di azione nelle province di Milano, Lodi, Crema e Cremona. Già tutta l'area "moda" del centro di Milano -piazza Duomo, San Babila, corso Venezia ecc- ha dimostrato un interesse concreto alla possibilità di essere rifornita in orari più commerciali proprio grazie a questo autocarro elettrico. E'di questi giorni proprio l'accordo con una delle più grandi catene europee di abbigliamento, che ha sposato immediatamente il progetto eco-compatibile di Niinivirta.
 
Sicura del successo di questa iniziativa, l'azienda di trasporti milanese ha già in cantiere un secondo autocarro elettrico per ripetere l'operazione di tutela ambientale nei trasporti in un altro importante capoluogo del Norditalia. E non va dimenticato inoltre che la flotta a corto raggio di Niinivirta si avvale anche di un interessante autocarro con alimentazione a gas, anch'esso utilizzato da tempo per le consegne nelle grandi metropoli.
 
In Italia Niinivirta Transport SpA è in assoluto la prima azienda di trasporti su strada che installa nel proprio parco un veicolo medio-pesante ad "emissione zero" e "rumore zero", seguendo così l'esempio di Stati Uniti, Regno Unito e Germania, che già da qualche anno usano questi mezzi. Basti pensare che Coca Cola consegna in centro a New York proprio con un Newton. Ed a conferma dell'enorme attenzione degli americani al tema del rispetto ambientale, va ricordato che nel 2011 fu proprio il presidente Barak Obama a battezzare il primo Newton in esercizio negli States.
 
"Abbiamo fatto una scelta coraggiosa e all'avanguardia nel mondo del trasporto pesante, investendo in un settore tecnologico completamente nuovo per ciò che riguarda il mondo dei trasporti" afferma Paolo Ferraresi, presidente e amministratore delegato di Niinivirta Transport SpA. "E' una sfida, ma noi ci crediamo e siamo veramente convinti che il settore delle consegne in città, soprattutto nei centri storici, sarà sempre più appannaggio dei mezzi a emissioni zero. Noi oggi apriamo una strada, che è quella del trasporto visto sotto l'ottica della tutela ambientale: confidiamo nell'emulazione della concorrenza per dimostrare che anche gli autotrasportatori possono fare la loro importante parte nella salvaguardia dell'ambiente"
 
"Spesso l'importanza dello pneumatico è sottovalutata, e comunque sempre riferita prevalentemente all'aspetto sicurezza" spiega Daniel Gainza, direttore della divisione autocarro di Continental Italia SpA. "Lo pneumatico moderno oggi assolve anche ad altre funzioni di altrettanto valore soprattutto se riferite al mondo dell'autotrasporto. Nel caso specifico, quando si parla di propulsione elettrica, l'aspetto principale è l'assorbimento di energia, ed una buona copertura a bassa resistenza al rotolamento come il nostro LSR 1+ può fare la differenza in termini di resa chilometrica, soprattutto se viaggia alla pressione di gonfiaggio ottimizzata prescritta dal costruttore del mezzo. L'abbassamento anche di pochi decimi della pressione di utilizzo comporta infatti incrementi sovraproporzionali della resistenza al rotolamento, quindi dei consumi, e l'adozione sul Newton del nostro ContiPressureCheck™ viene in aiuto proprio per la corretta gestione dinamica del veicolo"
 
"VDO, marchio del Gruppo Continental, è da sempre promotore di numerosi progetti di ricerca, con l'obiettivo di ampliare gli strumenti tecnici necessari per attivare un nuovo modo di intendere il trasporto" afferma Lorenzo Ottolina, Responsabile della Divisione Tachigrafi, Telematica e Servizi di Continental Automotive. "VDO mette a disposizione tecnologie per rispondere ad esigenze puntuali e sviluppa prodotti definiti 'ITS Ready', cioè integrati in sistemi di trasporto intelligenti, in grado di favorire una gestione più sicura ed efficiente dei mezzi".


TOP